Connect with us

News

CORRIERE DELLO SPORT, Pressing Pioli: “Serve tutto”

Le parole del tecnico rossonero in vista della sfida contro la Sampdoria

MILANO – E’ ufficialmente iniziato il momento cruciale della stagione. A distanza di poche ore dalla sfida contro la Sampdoria, il tecnico rossonero Stefano Pioli prova a dare alla propria squadra la giusta carica di energia in vista del rush finale per il campionato. Un mini torneo di 10 partite dove il Milan dovrà concretizzare il piazzamento in Champions. Ecco le sue parole, riportate dall’edizione odierna del Corriere dello Sport:

“Tutto ciò che abbiamo fatto nei mesi scorsi, era finalizzato a essere in questa situazione. Dobbiamo pensare che le partite saranno tutte complicate e dare il massimo per arrivare a fine stagione senza alcun rimpianto. I conti li faremo alla fine. Crediamo totalmente in quello che facciamo. Serenità, fiducia e tanto lavoro: questo è il nostro modo di operare. Ci sono 30 punti a disposizione, sono tanti e la lotta si farà dura. La squadra deve pensare in positivo, sappiamo benissimo che dobbiamo tramutare le convinzioni e le speranze in prestazioni. Vedo serenità negli occhi di Calhanoglu, Zlatan e Gigio, sono concentrati e sanno che il futuro è adesso, vale per tutti. Cambierebbe per tutti andare o non andare in Champions League”

TUTTO SU IBRA – Il Corriere prosegue scrivendo che la sosta nazionali ha restituito a Pioli un Ibrahimovic rigenerato e con qualche minuto in più nelle gambe. Ecco le parole del tecnico rossonero in riferimento al numero 11:

“Zlatan non è stanco, sta bene, è contento di essere tornato, l’ho visto carico e motivato. Quando ero in nazionale ci siamo sentiti quotidianamente. Con non ha svolto due ottimi allenamenti, per livello e partecipazione. L’ho ritrovato in buonissime condizioni psicofisiche”

SOGLIA CHAMPIONS – Per concludere, il tecnico si è voluto sbilanciare, rivelando quanti punti occorreranno per tagliare il traguardo Champions:

“Di punti dobbiamo farne ancora tanti. 75 potrebbe essere la soglia giusta, ma è difficile fare calcoli. Ci sono ancora tanti scontri diretti”

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *