Connect with us

News

CORRIERE, Pioli vs Solskjaer: Finale zero British

L’italiano ha insultato il collega uscendo dal campo. Poi le scuse

NERVI TESI – Accettare una sconfitta non è mai semplice. Soprattutto se al termine dei novanta minuti, o forse sarebbe meglio dire 180, hai la consapevolezza di essertela giocata fino all’ultimo. Quanto accaduto al termine della sfida di Europa League tra Milan e Manchester United ne è una piena conferma. Come riportato dall’edizione odierna del Corriere dello Sport, il tecnico rossonero Stefano Pioli avrebbe rivolto delle forti parole nei confronti di Solskjaer. Il tecnico dello United, nonostante la vittoria dei suoi, si è complimentato per il valore dell’avversario. Ma la mente di Pioli in quel frangente di tempo non era per nulla lucida. L’allenatore rossonero però alla fine ha ammesso il suo errore, precisando però che le sue parole erano rivolte contro un membro dello staff dello United. Reo di aver impiegato troppo tempo nel rimettere i palloni in gioco quando mancavano pochi minuti alla fine del match. Sbagliare dopotutto è umano, soprattutto in un’occasione come questa. Dove il Milan ha raccolto molto meno di quello che avrebbe meritato. Ora però bisogna archiviare del tutto questa delusione, perchè la stagione non è ancora finita.

TESTA AL CAMPIONATO – Domani i rossoneri affronteranno la Fiorentina. Un match che nasconde mille insidie ma dal quale bisognerà tornare col bottino pieno. Considerando che ci sarà anche la sfida diretta tra Roma e Napoli, il Milan deve cogliere la palla al balzo e allungare su almeno una delle contendenti alla zona Champions. L’obiettivo prioritario è questo anche se il sogno scudetto non è stato ancora del tutto accantonato. Lo dimostrano le parole di Brahim Diaz rilasciate a Sky Sport:

“Dobbiamo riflettere, e non credo sia una questione di esperienza che manca. Il gruppo è unito, saremo competitivi fino alla fine per l’ultimo obiettivo che è rimasto: proveremo a vincere il campionato. Ibrahimovic è molto importante per noi, lo dimostra facendo la differenza anche fuori dal campo”.

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *