Connect with us

News

EURO2020, Bergomi: “Difesa perfetta, Bonucci c’è sempre. Chiellini il migliore”

Published

on

Le parole di elogio di Bergomi sulla nostra Nazionale

IL COMMENTO – Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Beppe Bergomi ha commentato i punti di forza dell’Italia. Reduce finora da un percorso perfetto ad Euro2020. Ecco le sue parole:

L’Italia si avvicina al record d’imbattibilità degli anni 70?

Penso di sì. Praticamente non abbiamo fatto tirare nessuno in porta. La nostra linea difensiva è perfetta, ma soprattutto c’è quell’aggressione in avanti che tiene lontani gli avversari, c’è la voglia di sacrificarsi, c’è l’atteggiamento collaborativo dei giocatori. Veramente da squadra

Non saltano mai la nostra difesa alta.

Tutti sanno come giochiamo. Ma se abbiamo sempre i tempi giusti di gioco, e facciamo muovere bene la palla, troviamo gli spazi. Sono gli altri che devono adeguarsi a noi, noi non ci adeguiamo mai agli altri: questa è la nostra forza. L’unico problema potrebbe arrivare da una squadra che abbia il coraggio e la bravura di palleggiare nella sua metà campo e poi rilanciare l’azione. Ci ha provato la Svizzera ma ha rinunciato presto, la Turchia in un’occasione c’è riuscita facendo partire Under. Quello potrebbe essere il rischio

Abbiamo provato anche la difesa a cinque con la Svizzera.

Una grande dimostrazione di forza. Mancini ha avuto il coraggio di cambiare, spaventato forse da un’occasione che la Svizzera s’era procurata, e lì abbiamo chiuso la saracinesca

Si possono fare paragoni con le grandi difese del passato?

Ma certo. Abbiamo una grandissima tradizione che si rinnova. Ricordo l’82 con Collovati e Scirea, Cabrini, poi mi aggiunsi io. Penso agli anni 70 con Burgnich e Facchetti. Vogliamo parlare del ‘90? Io, Ferri, poi Baresi e Maldini che erano straordinari, più Vierchowod e Ferrara in panchina. Nel ‘ 98, a 36 anni, ho preso il posto di Nesta: giocando accanto a Maldini e Costacurta ho fatto una grande figura

E adesso?

Grandissimi interpreti. Bonucci è sempre lui. Chiellini è il nostro miglior difensore quando non ha problemi fisici. Bastoni e il prototipo del difensore del futuro, una via di mezzo tra Bonucci e Chiellini. Acerbi è cresciuto tanto, è una sicurezza

Un laterale da terzo centrale.

Florenzi per una soluzione più offensiva, Di Lorenzo o Toloi se c’è da proteggerci di più. Abbiamo tante alternative allo stesso livello

Donnarumma è sulla strada di Zoff e Buffon?

Un po’ presto, ma sembra destinato a ripetete le gesta dei suoi predecessori

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

RASSEGNA STAMPA, Le prime pagine dei quotidiani in edicola oggi

Published

on

GAZZETTA – Il quotidiano milanese apre con il duello scudetto a distanza: l’Inter di Simone Inzaghi, dopo 8 vittorie consecutive, viene fermata dall’Atalanta di Giampiero Gasperini; il Milan, impegnato questa sera contro lo Spezia, prova il momentaneo sorpasso affidandosi a Zlatan Ibrahimovic, alla ricerca di una rete a S.Siro che gli manca da ormai 4 mesi.

Di spalla destra, spazio al rinnovo di Dybala, con Allegri a fare da mediatore e Marotta in agguato.

Nell’intestazione si parla di Djokovic, espulso dall’Australia: una brutta vicenda che gli potrebbe costare il trono e 30 milioni.

In basso, spazio ai tanti temi della giornata di Serie A: Oliveira trascina la Roma alla vittoria contro il Cagliari, mentre la tripletta di Barak fa volare l’Hellas Verona. Dopo il Genoa, anche la Samp cambia in panchina: via D’Aversa, torna Giampaolo.

CORRIERE – Il quotidiano romano apre con il big match della domenica appena conclusa, quello tra Atalanta e Inter: uno 0-0 spettacolare e con protagonisti assoluti i due portieri. Oggi per il Milan c’è una grande occasione: se batte lo Spezia può sorpassare momentaneamente i cugini in testa alla classifica.

Di spalla destra, subito la firma di Sergio Oliveira: il portoghese parte titolare e trasforma il rigore che lui stesso si è procurato. La Roma di Josè Mourinho non brilla ma batte 1-0 il Cagliari. La Sampdoria, nel frattempo, ha esonerato Roberto D’Aversa e ha richiamato Marco Giampaolo.

A piè di pagina, spazio all’atto finale della vicenda riguardante Novak Djokovic: il tennista serbo è stato espulso dall’Australia e non potrà quindi difendere il titolo agli Australian Open. Si parla anche dello scii, che regala soddisfazioni all’Italia: protagonisti Brignone e Razzoli.

TUTTOSPORT – Il quotidiano torinese apre, a centro pagina, con il caso Dybala: il gol non festeggiato contro l’Udinese divide in due la tifoseria, la maggior parte vorrebbero che l’argentino accettasse un rinnovo a cifre inferiori rispetto a quelle precedentemente stabilite. Attenzione a Marotta: in caso di rottura, l’attuale dirigente dell’Inter è pronto a intervenire.

In alto, spazio alla sfida tra Atalanta e Inter: i bergamaschi, nonostante le tante assenze, riescono a fermare i nerazzurri, che veniva da 8 vittorie consecutive. Oggi il Milan, contro lo Spezia, va alla ricerca del sorpasso.

A sinistra si parla di Torino: i 15 punti in più dello scorso anno in classifica sono motivo di soddisfazione, ma ci sono ancora margini di crescita per la squadra di Juric.

Di spalla destra, spazio al caso Djokovic: il tennista serbo è stato espulso dall’Australia, niente Australian Open. Al suo posto è stato chiamato Caruso. Chiosa anche sullo scii, con Federica Brignone che ha trionfato nel SuperG.

Continue Reading

In Evidenza

FOCUS, Il punto sui prossimi avversari

Published

on

Alla scoperta dello Spezia di Thiago Motta, prossimo avversario del Milan

L’AVVERSARIO – Centrare la terza vittoria consecutiva, per la prima volta da quando allena il Milan. Questo l’obiettivo di mister Pioli, e proverà a raggiungerlo proprio domani sera. Quando a San Siro arriverà Lo Spezia di Thiago Motta. Avversario che lotta per non retrocedere. Ma che in alcun modo va sottovalutato. Specie perchè i rossoneri affronteranno i liguri senza poter contare su diverse colonne portanti, come Tonali, Kessie, Bennacer, Kjaer, Tomori, Romagnoli. 6 titolarissimi, che in un momento così cruciale della stagione avrebbero fatto parecchio comodo. Rimanere concentrati, senza pensare che tra pochi giorni a San Siro arriverà la Juventus di Allegri. Senza pensare che al rientro della sosta, ci sarà il derby. Le insidie che stanno dietro alla sfida di domani sono tante. Contro la compagine allenata da un ex interista, mantenere alta la guardia è di vitale importanza.

Confermato il consueto 4-3-3, con l’estremo difensore Provedel che imposta l’azione centralmente insieme ai due difensori centrali. Con i mediani che si abbassano per impossessarsi della sfera. In modo tale da servire al meglio gli esterni, non appena riescono a crearsi spazi di manovra. Maggiore, una delle principali insidie dei liguri. Insieme a Bastoni, Verde e Gyasi. Giocatori molto interessanti, pronti a dire la loro al Meazza. Lo Spezia si trova al sedicesimo posto, a quota 19 punti. 21 le reti fatte, 41 quelle subite. All’andata i rossoneri vinsero all’ultimo respiro. Segno evidente, che quando bisogna tirare fuori gli attributi, Lo Spezia non si tira certo indietro. Salvezza da una parte. Scudetto dall’altra. Due squadre con obiettivi molto diversi. Ma entrambe pronte a dare il massimo.

Continue Reading

News

QUI SAMP, Giampaolo torna sulla panchina dei blucerchiati

Published

on

La decisione del club ligure

IL PUNTO – Nel pomeriggio è stata comunicata la decisione della Samp di esonerare il tecnico D’Aversa. Al suo posto un ex conoscenza rossonera: Marco Giampaolo. L’allenatore torna ad allenare i blucerchiati dopo il buon triennio 2016-2019.

Continue Reading

Trending

Copyright © 2021 Soloxmilanosti.com edito da Koros Editore p.iva/cod.fis. 94286360485 Testata Registrata Presso la Cancelleria del Tribunale di Firenze n° 5994 - Direttore responsabile: dr Luca Russo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: