Connect with us

In Evidenza

FOCUS, Da Bergamo a Bergamo: come la fenice, il Milan è risorto dalle proprie ceneri fino alla Champions

Published

on

Il traguardo raggiunto è solo il coronamento di un percorso iniziato un anno e mezzo fa

COME TUTTO EBBE INIZIO – Come dimenticare quel 22 dicembre 2019 in cui l’Atalanta strapazzava un Milan evanescente per 5-0. Da quel momento si è instaurata la consapevolezza che sarebbe stata necessaria una svolta. Pioli era subentrato da poco a Giampaolo, ma come spesso ci insegna il calcio, un cambio di allenatore non è sinonimo di immediato cambio di tendenza. La dirigenza si è convinta a puntare su un 39enne dalla mentalità vincente: Zlatan Ibrahimovic. Poi ci è voluta una quarantena per aiutare l’ambiente a rimuginare su tutti gli errori commessi fino a quel momento.

IL PERCORSO – Mister Pioli ha avuto il tempo di allestire una formazione vincente, schierando ognuno nel proprio ruolo a differenza del suo predecessore e la squadra ha iniziato a ingranare. Il 2020 è stato un anno magico, caratterizzato da un rendimento superiore a chiunque altro e certificato da una continuità impressionante di gioco e risultati. Fuori dal campo però non sono mancate le discussioni: Gazidis che ingaggia Rangnick per la stagione 20/21 e l’espulsione di Boban dal club per alcune dichiarazioni contrarie all’idea societaria. Alla fine il giudice supremo è il campo e Pioli si è conquistato una strameritata conferma, facendo saltare gli accordi con il manager tedesco. La stagione 19/20 si è conclusa al sesto posto e non si poteva fare meglio di così per via del disastroso girone d’andata.

STAGIONE 20/21 – In estate la nuova stagione è iniziata nello stesso modo in cui è finita la vecchia, e cioè vincendo in continuazione. Purtroppo la preparazione estiva si è dovuta adattare ai preliminari di Europa League e dunque, da metà agosto la squadra non ha mai avuto pause. Il girone d’andata è andato aldilà di ogni più rosea aspettativa ed è culminato con il primo posto. Con l’inizio dell’anno nuovo la squadra ha subito un calo fisiologico che ha ridimensionato i sogni rossoneri. Tutto altamente prevedibile considerato il numero elevatissimo di partite giocate e anche di infortuni muscolari. Alla fine l’Inter è uscita alla distanza grazie a una rosa costruita per vincere sin da subito, mentre il Milan ha avuto un rendimento altalenante che lo ha pericolosamente avvicinato alle inseguitrici.

GLI ULTIMI MESI – Il rendimento altalenante prevede che ci siano momenti di grande sconforto. Non sono mancati neanche in questo caso. Si è passati dalla tranquillità di ottenere un posto in Champions alle due sconfitte con Sassuolo e Lazio che hanno fatto temere una resa precoce e dunque, l’ennesimo limbo al di fuori del calcio dei grandi. Poi però è arrivata la Juventus e i rossoneri hanno fornito una prova d’orgoglio, sfatando il tabù legato all’Allianz Stadium dove non si era mai vinto. Tornati alla serenità di chi ha in tasca l’obiettivo, arriva il primo match point: Milan-Cagliari. 0-0 grigio, colmo di paure e con pochissimi guizzi. Di nuovo la sensazione del baratro, con la qualificazione che sfuma al fotofinish.

LA CHAMPIONS – Poi è arrivata la trasferta di Bergamo, si torna lì dove tutto è cominciato. Il tifoso sente la gara ed è perfettamente consapevole dei rischi che si corrono nel giocarsi il tutto per tutto con la temibile Atalanta. I ragazzi giocano una partita ordinata, più difensiva che arrembante. Ma nei pochi sprazzi offensivi il Milan conquista due rigori netti e prende un palo con Leao. Kessie, uno dei pochi giocatori al mondo con il dono dell’ubiquità, è glaciale come sempre dal dischetto e regala l’accesso in Champions League dopo sette anni di agonia. Questo trionfo è solo il coronamento di un percorso straordinario iniziato in quel desolante pomeriggio del dicembre 2019. Basti pensare alle 27 partite senza perdere in campionato da marzo 2020 a gennaio 2021. Oppure alle 16 vittorie su 19 gare in trasferta in quest’ultima Serie A: record assoluto nel campionato italiano.

RINGRAZIAMENTI – Finalmente il Milan torna dove merita di stare e sono due le persone che più di tutte hanno reso possibile questo miracolo. Si tratta di Paolo Maldini che ha costruito una squadra giovane e di alto livello, e poi di Mister Pioli che ha saputo sfruttare tutte le caratteristiche della sua rosa. Entrambi hanno contribuito a unificare il collettivo e cioè la vera forza di questa squadra, con l’aiuto di un totem come Zlatan Ibrahimovic. Si può parlare di inizio di un ciclo? Ci sono tutti i presupposti. Intanto si è compiuto il primo passo per riappropriarsi dello status di top club europeo. Tanti auguri a tutti voi, cari tifosi rossoneri!

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Evidenza

RASSEGNA STAMPA, I principali quotidiani di oggi

Published

on

GAZZETTA DELLO SPORT – La ‘rosea’ apre la sua prima pagina con il titolo: “fischio da pazzi“. Il riferimento è al fischio arbitrale di Serra che interrompe un’azione che ha portato al gol di Messias, non applicando di fatto la regola del vantaggio. Milan che paga cara la svista del direttore di gara e viene beffato al 96esimo da Gyasi: 1-2 Spezia a San Siro. Rossoneri a -2 dall’Inter e una gara in più, fallito il sorpasso. Nell’immagine in primo piano piccolo trafiletto per il Napoli che ritrova Osimhen e grazie ad una doppietta di Lozano batte il Bologna per 2-0.

In taglio alto la Juventus che si gioca gli ottavi di finale di Coppa Italia contro la Sampdoria. Allegri chiarissimo: “la Coppa è un obiettivo“. Nei doriani si attende il ritorno in panchina di Marco Giampaolo, ma questa sera ci sarà il tecnico primavera Tufano.

In taglio basso, il calciomercato con due trattative che potrebbero concretizzarsi nelle prossime ore: Vecino verso la Lazio di Sarri, il Newcastle offre 65 milioni all’Atalanta per Zapata e Gosens. Biancocelesti in pressing per avere il centrocampista da subito, bergamaschi che rispediscono al mittente la proposta dei ‘Magpies‘.

CORRIERE DELLO SPORT – Il titolo del quotidiano romano è riservato al Milan che cade clamorosamente a San Siro contro lo Spezia per 1-2: errore clamoroso dell’arbitro Serra che non concede il vantaggio e nega di fatto il gol di Messias al minuto 92, poi la beffa al 96esimo firmata Gyasi. Pioli è contrariato: “non sono riuscito a calmare i miei ragazzi, Serra ha chiesto scusa”. Intanto il Napoli passa a Bologna con doppietta di Lozano e la Fiorentina passeggia sul Genoa al Franchi con un tennistico 6-0.

Sulla destra la Coppa Italia con la Lazio che affronterà l’Udinese alle 17:30, mentre la Juventus ospiterà la Sampdoria alle 21:00: Sarri schiera i big, Allegri affronta i blucerchiati che riaccoglieranno Giampaolo solo domani. Continuando sulla destra, la decisione della FIFA di cancellare i gialli che pendevano sui giocatori diffidati ai play-off per Qatar 2022: Mancini sospira e salva i suoi ben 10 giocatori a rischio squalifica.

In taglio basso, sulla sinistra, trafiletti per Carlo Ancelotti che continua il suo ruolino di marcia in Liga con il Real Madrid e Christian Eriksen che potrebbe presto firmare con il Brentford e guadagnarsi una convocazione in nazionale per il mondiale del 2022. Sulla destra ancora Novak Djokovic: dopo lo stop degli Australian Open, anche il Roland Garros è a rischio dopo l’ordinanza del governo che farà giocare soltanto i vaccinati contro il Covid-19.

TUTTOSPORT – In primo piano la stizza di Andrea Agnelli e John Elkann nei confronti di Paulo Dybala per l’atteggiamento tenuto dalla ‘Joya‘ in occasione del gol contro l’Udinese. Questa sera il numero 10 partirà dalla panchina nel match contro la Sampdoria valevole per l’accesso ai quarti di finale di Coppa Italia.

In taglio alto la rabbia del Milan che viene sconfitto dallo Spezia a San Siro, ma con tante polemiche: l’arbitro Serra non concede il vantaggio nell’azione che avrebbe dato ai rossoneri i 3 punti col gol di Messias, poi i liguri sbancano il Meazza al 96esimo. Napoli che accorcia sui rossoneri e sull’Inter vincendo per 2-0 a Bologna, Fiorentina a valanga sul Genoa: 6-0.

Sulla destra il ‘derby della Mole’ di mercato tra Torino e Juventus per il difensore del Frosinone Federico Gatti. Per i granata ipotesi scambio BaselliNandez. Continuando sulla destra, più in basso, il ritorno di Marco Giampaolo alla Sampdoria: il tecnico chiede Linetty come rinforzo per la mediana. Ancora più in basso il tennis con Matteo Berrettini che non solo supera un problema intestinale, ma anche il primo turno degli Australian Open. Avanti anche Lorenzo Sonego, mentre Novak Djokovic potrebbe saltare anche il Roland Garros.

Continue Reading

Editoriali

LA FATAL SPEZIA

Published

on

Milan rimontato in casa dallo Spezia, addio scudetto?

E’ successo tutto quello che non doveva accadere. Un tempo si parlava di Fatal Verona, ora lo stesso appellativo può essere utilizzato per Lo Spezia di Thiago Motta. L’anno scorso fu Vincenzo Italiano, alla guida dei liguri, ad infliggere ai rossoneri una sconfitta che si rivelò determinante per la lotta scudetto. Quest’anno, a giocare un bel tiro mancino al diavolo, ci ha pensato un ex interista. Thiago Motta, con la sua filosofia di calcio, ha espugnato San Siro. Ha battuto un Milan che nel nuovo anno, tra campionato e Coppa Italia, aveva collezionato solo vittorie. Adesso, i fantasmi della scorsa stagione, di quando più o meno in questo stesso periodo, l’Inter riuscì a prendere definitivamente il volo. Effettuando una marcia trionfale verso la conquista del titolo. A meno di rocamboleschi colpi di scena, il copione sembra destinato a rimanere analogo. Fragili mentalmente, incapaci di amministrare una situazione di vantaggio. E troppo superficiali in molte situazioni della partita. Senza considerare che, l’assenza dei titolari, si fa sentire parecchio.

Specie se non possiedi dei ricambi all’altezza. Gabbia e Kalulu, per quanto possano impegnarsi, non garantiscono la stessa sicurezza di Kjaer e Tomori. In mezzo al campo, Krunic e Bakayoko danno conferma di essere diverse spanne sotto ai vari Tonali, Kessie e Bennacer. Nel corso del primo tempo, i rossoneri più volte vanno vicini al gol. Nel finale, ottengono un rigore sacrosanto che Hernandez non riesce a concretizzare. Già questo doveva essere un segnale che qualcosa sarebbe andato storto. Rafael Leao però, conferma di essere l’arma in più a disposizione di mister Pioli. E’ lui, con un cucchiaio provvidenziale, a portare in vantaggio il Milan. Ma la maledizione, è tutt’altro che terminata. Il gol che avrebbe dovuto spostare gli equilibri, si è rivelato un’arma a doppio taglio. Anziché rientrare dagli spogliati con la bava alla bocca, con la voglia di trovare la rete della sicurezza, il diavolo preferisce adagiarsi sugli allori. Ed ecco aumentare con una certa rapidità, errori di disimpegno e di disattenzione. Lo Spezia prende coraggio e trova il pareggio, strameritato. Al 64′ azione velocissima e micidiale dei liguri, con Kalulu e Gabbia che letteralmente presi in controtempo dagli attaccanti avversari. Agudelo da due passi non sbaglia l’appuntamento con il gol. Da quel momento si gioca in una porta sola. Il Milan le prova tutte per trovare la rete del nuovo vantaggio che significherebbe primato in classifica. Si vive di speranza, ma non è questo il caso. Provedel è in serata di grazia, sfodera una serie di interventi semplicemente straordinari, tiene a galla i suoi compagni. E fa venire il diavolo a quattro ai ragazzi di mister Pioli.

Una squadra che lotta per lo scudetto, non può ridursi all’ultimo per avere la meglio su una che si trova ancorata nei bassifondi della classifica. E questa è una doverosa premessa che va fatta. Ma per dover di cronaca, va detto che la rete che ha condannato il Milan alla sconfitta, è arrivata pochi secondi dopo che Serra aveva fermato il 2-1 rossonero. Il direttore di gara fischia un fallo ai limiti dell’area subito da Rebic, ma se avesse fatto proseguire l’azione, avrebbe convalidato il tiro a giro di Messias, finito direttamente nel sette. Il perchè non sia stata applicata la regola del vantaggio, rimane un mistero. A pochi secondi dal triplice fischio, Kovaleko serve Gyasi in mezzo all’area che beffa Maignan in uscita, con un preciso angolino che si infila all’angolino basso. Milan 1-2 Spezia. Thiago Motta esulta, così come tutto il popolo nerazzurro. La beffa è servita. Primo ko casalingo dell’anno. Insomma, la settimana poteva iniziare meglio. Domenica arriva la Juve di Allegri. Occorrerà cambiare atteggiamento, altrimenti si rischia un’altra figuraccia. Le attenuanti ci sono anche, dalle assenze, ad una decisione arbitrale ai limiti dell’assurdo. Ma ciò non toglie che questo Milan, non ha ancora la mentalità per vincere lo scudetto.

Continue Reading

In Evidenza

MARELLI: “Grave errore di Serra. È stato precipitoso”

Published

on

Le parole dell’ex arbitro sull’episodio chiave di Milan-Spezia

LE DICHIARAZIONI – Intervenuto ai microfoni di DAZN, Luca Marelli commenta l’errore dell’arbitro Serra, il quale ha fischiato fallo, anziché far continuare l’azione che avrebbe portato il gol rossonero del 2 a 1. Di seguito, le sue parole:

“È stato precipitoso. Sono errori che possono capitare ad arbitri che non hanno grandissima esperienza come Serra. L’errore è grave, tanto che si è scusato e si è portato la mano all’auricolare sperando che il fischio fosse arrivato dopo che il pallone avesse superato la linea di porta. La punizione c’è tutta, ma questi sono errori che possono portare al patatrac. E oggi stiamo commentando un risultato che con un minimo di riflessione in più sarebbe stato diverso”

Continue Reading

Trending

Copyright © 2021 Soloxmilanosti.com edito da Koros Editore p.iva/cod.fis. 94286360485 Testata Registrata Presso la Cancelleria del Tribunale di Firenze n° 5994 - Direttore responsabile: dr Luca Russo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: