Connect with us

Editoriali

FOCUS, tutto quello che c’è da sapere su Milan-Inter

“Se non lo hai giocato non lo capisci veramente e, anche se lo hai giocato, non riesci a descrivere la forza, la passione e anche la pressione che accompagna questa partita. Poi se hai coraggio, se hai personalità, appena tocchi il primo pallone sparisce tutto, come avviene sempre nel calcio. Ma la vigilia del derby è diversa rispetto a tutte le altre partite, in cui tante volte devi cercare le motivazioni extra, giustamente; in questa è quasi l’opposto, devi rilassarti perché sennò rischi di essere travolto dalle emozioni. È un derby unico al mondo tra due società che in fondo si rispettano ma che hanno una rivalità incredibile, storica e bellissima”.

Mi piace aprire questo FOCUS con le parole di Zvonimir Boban, un uomo che il derby lo ha vissuto e in cui ha segnato gol importanti. In questa intervista rilasciata a Sky Sport da dirigente rossonero, si percepiscono tutte le emozioni che La Partita (perché il derby è diverso dalle altre) può regalare. Milan-Inter per un milanese si colloca allo stesso livello del “panetùn” e della “madunina“: sono quelle cose che rendono Milano “on gran Milan“.

Oggi pomeriggio ore 15:00 andrà in onda su DAZN il derby. L’Inter aspetta e prepara questa partita da una settimana. I ragazzi di Pioli, rientrati giovedì notte dalla gara di Europa League, hanno avuto sicuramente meno tempo per prepararsi ma le motivazioni di certo non mancano. Sarà anche questa una delle varie chiavi di lettura di questa grande sfida.

Per Conte pochi dubbi di formazione: classico 3 5 2 con Handanovic in porta, il trio difensivo composto da Skriniar, De Vrij e Bastoni, sulle fasce Hakimi e il confermato Perisic. A completare la linea dei cinque Barella, Brozovic e Eriksen. Davanti la LU-LA, la coppia Lukaku-Lautaro, è pronta a mettere in difficoltà i rossoneri.

Mister Pioli, dopo il ricco turnover di giovedì, è pronto a schierare la formazione titolarissima: consueto 4 2 3 1 con Donnarumma in porta, Calabria e Theo per contrastare gli esterni interisti, mentre al centro Kjaer al fianco di Romagnoli. In mediana con Kessié ci sarà Tonali, che andrà a sostituire l’infortunato Bennacer. Dietro all’immancabile Zlatan Ibrahimovic ci saranno Saelemaekers, Calhanoglu e Rebic. Tegola Mandzukic per il Milan: croato costretto a saltare il Derby a causa di un problema muscolare.

L’Inter affronta la partita sulle ali dell’entusiasmo. Il sorpasso sui cugini avvenuto nella scorsa giornata ha sicuramente dato morale alla squadra di Conte. Il Milan affronta la partita consapevole che l’entusiasmo lo deve ritrovare, per continuare la buona stagione fatta finora. In più una vittoria domenica garantirebbe il controsorpasso sui nerazzurri e sarebbe un segnale forte al campionato.

Un Milan-Inter così decisivo non lo si vedeva da tempo. Sono passati 10 anni e l’ultimo derby di alta classifica si è concluso con un 3 a 0 per i rossoneri. Il Milan compì l’allungo decisivo nella lotta scudetto, lasciando l’Inter a -5, distanza che il biscione non riuscì a colmare. Da lì in poi i risultati in campionato sono stati a favore dei nerazzurri, 10 vittorie contro i 3 successi del Diavolo. Sono invece stati 6 i pareggi tra le due squadre.

Chiave tattica della partita. C’è poco da dire in partite come queste, può succedere di tutto. Sono tanti i duelli che prenderanno forma: Ibra-Lukaku, Theo-Hakimi, Donnarumma-Handanovic, Barella-Kessié. L’ago della bilancia per l’Inter sarà Eriksen. Il danese è finalmente entrato nei meccanismi di Conte e il ruolo di mezz’ala gli si addice. Con lui in campo c’è molta più verticalità e può trovare la giocata giusta per mandare in porta gli attaccanti. L’ago della bilancia per il Milan sarà Tonali. Per il giovane mediano è una prova molto importante e contrastare le incursioni di Barella sarà fondamentale per limitare le opzioni offensive dell’Inter. Sandro è chiamato al salto di qualità che tutti si aspettavano dopo aver visto quel gran giocatore che era a Brescia, quale miglior occasione del derby?

Queste parole potrebbero anche non essere adatte proprio perché è il derby dei derby e ciò che succede in quel rettangolo verde, in quei 90 minuti è assolutamente imprevedibile. Che dire, buon Milan-Inter a tutti!

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *