Connect with us

News

GAZZETTA, Ibra ritorno vincente: dà l’assist decisivo e la Svezia esulta

milan

Contro la Georgia finisce 1-0 e il fuoriclasse festeggia l’ennesimo record

NAZIONALI – Sono trascorsi 5 anni dall’ultima partita che Zlatan Ibrahimovic ha disputato con la propria nazionale. In quel 2016 il fuoriclasse rossonero aveva detto che la sua avventura con la Svezia era giunta al termine. Ma si sa, quando il numero 11 parla, non bisogna mai dare nulla per scontato. Ed ecco che nella giornata di ieri, è tornato ad indossare la casacca gialloblù. In un’altra occasione, la Friends Arena sarebbe stata stracolma di spettatori, in occasione di un evento così importante. Ma il pensiero di tutti gli svedesi era sicuramente rivolto al proprio idolo indiscusso. Ad un giocatore che a quasi 40 anni, ha deciso di mettersi in gioco e di sacrificarsi per i colori del proprio Paese. Aveva promesso di voler condurre personalmente la Svezia ai Mondiali in Qatar, in programma nel 2022. Ebbene, chi ben comincia è a metà dell’opera, perchè gli svedesi hanno iniziato il proprio percorsi della qualificazioni superando per 1-0 una Georgia molto agguerrita. Come racconta l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, Zlatan ha impiegato un pò di tempo prima di accendere i motori. Ha dovuto adattarsi agli schemi di gioco dei suoi nuovi compagni di squadra. Ma passo dopo passo, è entrato nelle fasi vive del gioco. A dieci minuti dal termine della prima frazione di gioco, ha deciso che era arrivato il momento di dare un senso alla serata. Stop di petto e passaggio perfetto indirizzato a Claesson, che da posizione defilata ha siglato la rete del vantaggio. Nel giorno del suo rientro in nazionale, Ibra si è rivelato subito decisivo con un assist al bacio. Unica nota stonata l’ammonizione rimediata nella ripresa a causa di un diverbio con il direttore di gara. Di certo il numero 11 avrebbe preferito finire sul tabellino dei marcatori. E questo spiegherebbe il suo nervosismo, ma questa Svezia ha un asso in più da sfoderare nelle prossime partite. E questo asso si chiama Zlatan Ibrahimovic

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *