Connect with us

In Evidenza

GAZZETTA, Il Diavolo esiste

Published

on

I rossoneri rimontano la Fiorentina e non mollano l’Inter

VITTORIA DI CARATTERE – Trascorso l’inverno arriva la primavera. Il 21 marzo del Milan si è tinto di viola, o forse sarebbe meglio dire di rosso. Perchè la squadra di Pioli dopo le sconfitte contro il Napoli e il Manchester United ha rialzato la testa. E lo ha fatto battendo un’ottima Fiorentina. In una delle partite più emozionanti di tutta la stagione. Insomma il vento sembra essere cambiato per questo diavolo. Come riportato dall’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, all’Artemio Franchi i rossoneri hanno disputato una prova di carattere. Entrati in campo un po’ troppo spenti e forse provati dall’eliminazione dall’Europa League, i ragazzi di Pioli soffrono i ripetuti assalti dei padroni di casa ma riescono a resistere. E alla prima occasione utile, con il consueto colpo del campione. E ad inventarselo non poteva che essere Zlatan Ibrahimovic: dopo 10 minuti lo svedese segna un gol da attaccante di razza e porta in vantaggio i suoi. La reazione viola non si fa attendere. Al 17′ da punizione diretta Pulgar ristabilisce la parità. Qui molto colpevole la barriera rossonera che di fatto è rimasta immobile. Mentre Donnarumma è apparso poco reattivo. Tante occasioni da una parte e dall’altra ma al termine della prima frazione di gioco il risultato non si schioda dall’1-1.

REAZIONE DA MILAN – Nella ripresa succede di tutto. L’undici di Prandelli rientra in campo con più motivazione e determinazione e al 51′ ribalta la situazione con Ribery. Il Milan sembra crollato e destinato a subire l’ennesima sconfitta. Ma se c’è una cosa che bisogna imparare è che non si deve mai dare per morto questo diavolo. Prima al 57′ Brahim Diaz trova il 2-2 poi a venti minuti dal triplice fischio ci pensa Hakan Calhanoglu a siglare la rete del definitivo 2-3 per i rossoneri. Quando vede viola il turco si esalta. Una vittoria che serve come il pane. I ragazzi di Pioli consolidano il secondo posto e si riportano a -6 dall’Inter capolista. Considerando che dopo tre mesi, è rientrato anche Bennacer, il Milan può guardare alle prossime partite con una maggiore dose di ottimismo. Un ottimismo da Champions.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Evidenza

RASSEGNA STAMPA, I titoli dei principali quotidiani sportivi

Published

on

PRIME PAGINE

GAZZETTA DELLO SPORT – La rosea dedica in prima pagina gli scatti delle due squadra milanesi. Il Milan sogna con Ibrahimovic Messias (x2) e si porta a – 1 dal Napoli che non va oltre il 2-2 con il Sassuolo. I partenopei dovranno fare a meno di Koulibaly Fabian Ruiz, mentre Spalletti è stato espulso. L’Inter va a – 2 dal primo posto, grazie ai gol di Gagliardini Lautaro su rigore.

In taglio alto, il Bologna vola con Svanberg che sotterra la Roma. Il Torino compie 115 anni, ma vuole festeggiare con una vittoria.

Di spalla destra, si ritorna sul caso Juventus: i pm adesso vogliono interrogare nientepopodimeno che Cristiano Ronaldo. Si passa poi al Pallone d’Oro: che gaffe! Non ricordano la leggenda Paolo Rossi.

CORRIERE DELLO SPORT – Il quotidiano romano si concentra in prima pagina sugli ultimi risultati di Serie A. Le due milanesi accorciano su Spalletti. Nello specifico, il Milan batte 0-3 il Genoa, mentre l’Inter domina 2-0 lo Spezia. I partenopei pareggiano a Sassuolo e si portano solo a +1 dai rossoneri.

Di spalla destra, il Bologna ferma la Roma grazie al gol di Svanberg. Lo Special One attacca Pairetto: “Per Zaniolo difficile giocare in A, vada all’estero“. Inoltre Abraham Karsdorp ammoniti: salteranno il match contro l’Inter, in programma sabato. Ed è subito tempo di LazioUdineseSarri vuole conquistare la vittoria, dopo lo scivolone con il Napoli.

In taglio basso, si ritorna sull’inchiesta della Juventus: due dirigenti indagati non rispondono ai magistrati.

TUTTOSPORT – Il quotidiano torinese si concentra sulle vittorie di Milan Inter, ai danni del Napoli che pareggia in trasferta a SassuoloIbrahimovic e la doppietta di Messias deliziano Pioli, mentre Gagliardini Lautaro fanno sorridere Inzaghi.

In taglio alto, il nome di Dusan Vlahovic fa gola e non poco. Sirene inglesi e juventine per il centravanti serbo che sembra simpatizzante per il club bianconero. Intanto Allegri punta sul tandem MorataDybala per fare il pieno nelle prossime quattro partite.

Di spalla destra, il Torino spera di festeggiare i suoi 115 anni con una bella vittoria sull’EmpoliJuric: “I tre punti per festeggiare“. Non è finita qui, perché il Bologna stende la Roma di Josè Mourinho e si piazza in piena zona Europa.

Continue Reading

In Evidenza

POSTPARTITA, Ancora Messias: “Sono al Milan perchè me lo sono meritato”

Published

on

Le sue parole dopo i tre punti conquistati ai danni del Grifone

LE DICHIARAZIONI – Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Junior Messias parla nel dopo gara di GenoaMilan. Di seguito, le sue parole.

Sulla favola della sua carriera:

“Ormai sono al Milan perchè me lo sono meritato. E’ passato il tempo di parlare delle favole, di quello che facevo una volta ora bisogna parlare del presente”

Sulle posizioni in campo:

“Io lavoro sempre per la squadra e cerco di dare il meglio dovunque mi mette con il mister, sia da trequartista che da esterno”

Sull’effetto di affrontare Shevchenko o giocare con Ibrahimovic:

“Fa effetto vedere certi giocatori ma quando arrivi a questo livello ti devi abitutare. Al Milan c’è Ibrahimovic, Maldini e Dida e fa piacere averli vicino”

Sulla differenza tra le dilettanti e la Serie A:

“Bisogna adattarsi alle categorie inferiori o alle grandi squadre, sia a giocatori un po’ meno bravi che con quelli più bravi. Nel Milan magari tocchi meno palloni, dipende”

Sulla possibilità di vederlo giocare in Nazionale:

“Non posso giocare in nazionale perchè non ho il passaporto italiano”

Sul suo arrivo tardivo in estate:

“L’ho vissuta tranquillamente, ho lasciato lavorare il mio agente. Non fare ritiro con la squadra con cui giochi non è facile e porta un po’ di stress che magari ha portato all’infortunio. Ogni giocatore ha la sua storia”

Continue Reading

In Evidenza

POSTPARTITA, Messias: “Sono in club importante, le emozioni già sono passate”

Published

on

Le sue parole dopo la vittoria del Milan

LE DICHIARAZIONI – Intervenuto ai microfoni di MilanTv, Junior Messias parla nel dopo gara di GenoaMilan. Di seguito, le sue parole.

Sulle emozioni:

“Ormai devo abituarmi a queste cose. Sono in club importante, le emozioni sono già passate”

Sulle nuove posizioni:

“Adesso ci adattiamo, il mister cerca di lavorare per fare il mio meglio”

Continue Reading

Trending

Copyright © 2021 Soloxmilanosti.com edito da Koros Editore p.iva/cod.fis. 94286360485 Testata Registrata Presso la Cancelleria del Tribunale di Firenze n° 5994 - Direttore responsabile: dr Luca Russo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: