Connect with us

News

GAZZETTA, Milan si può fare. Pioli vuole dare scacco allo United in tre mosse

I rossoneri che dovranno fare i conti con le assenze, cercano il tutto e per tutto nel match che si giocherà all’Old Trafford

ASSENZE – Con la lista dei convocati diramata ieri pomeriggio da Pioli, sono saltate all’occhio le assenze di Theo Hernandez e Ante Rebic. I due giocatori, quindi, finiscono nell’elenco, ormai interminabile, degli indisponibili. Ma, come riporta la Gazzetta dello Sport, non solo il Milan, anche il Manchester deve fare i conti con gli acciacchi dei giocatori inglesi. Tra infortunati e out, Pioli però ha una sua forza specifica: ha dimostrato più volte di sapere fare fronte alle situazioni di emergenza e di uscirne vincitore. Un chiaro esempio può essere l’ultima partita in casa del Verona, con ben sette assenze tra i rossoneri. In un pre match ricco di polemiche legate alla partecipazione di Ibrahimovic a Sanremo e di scetticismo per gli undici titolari, Pioli ha fatto esaltare le qualità di ogni singolo, conquistando tre punti d’oro. E lo stesso si prepara a fare all’Old Trafford.

PARTITA DIFENSIVA – Con una squadra senza punte di ruolo, il Milan potrebbe impostare una gara di tipo difensiva, giocando con intelligenza e senza badare all’estetica. In questo caso, un ruolo determinante lo ricopre Simon Kjaer. Il danese è dalle mille esperienze, leader della difesa (nulla a togliere a Romagnoli) e giocatore importante anche in fase di impostazione. Facilitato anche dall’assenza di Rashford, Kjaer può contare anche sul suo compagno di reparto che conosce molto bene le squadre inglesi: Fikayo Tomori. Un altro giocatore che può essere decisivo è Franck Kessie. Il tiratore scelto rossonero potrebbe trovare la via del gol proprio dal dischetto: infatti, entrambe le squadre sono al primo posto per falli fischiati in area di rigore.

PROVA IMPORTANTE – Questa sarà la gara decisiva per Rafael Leao. Per il portoghese è giunto il momento di mettersi alla prova e di dimostrare tutto il suo valore in campo. Arrivato a Milanello come uno degli acquisti più pagati targati Elliot, Leao avrà tutta la responsabilità dell’attacco sulle spalle: senza cambi in panchina e senza tutori (Ibrahimovic è rimasto a Milano per continuare le terapie). Il Manchester per lui sarà un vero e proprio banco di prova. Facilitato anche dall’assenza dei tifosi sugli spalti, il portoghese può rendersi pericoloso con i suoi scatti in velocità e il suo dribbling fulmineo e, perchè no, trovare il gol del vantaggio per i rossoneri…

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *