Connect with us

In Evidenza

GDS, Milan alla croata: ecco Rebic e Mandzukic

Published

on

Gol per la Champions e per tornare al secondo posto

MILANO – Insieme hanno giocato solo 92 minuti complessivi, tra campionato ed Europa League. Non un granchè insomma ma questa sera, saranno loro a prendere in mano le sorti dell’attacco rossonero. Contro la Lazio, Zlatan Ibrahimovic non ci sarà e allora mister Pioli si affiderà ad Ante Rebic e Mario Mandzukic. Due giocatori che in fatto di imprese eroiche ne sanno qualcosa. Nel 2018 con la Croazia arrivarono in finale del mondiale, solo il talento della Francia di Mbappè li costrinse a fermarsi. All’Olimpico non dovranno fare miracoli, ma quanto meno trovare la via del gol e sfoderare una prestazione d’alto livello. Come scrive la Gazzetta dello Sport,  la chimica croata ha radici lontane ed è stata ampiamente testata negli anni.

MARIO E LA PROVA DEL 9 – Tra i tifosi rossoneri, il numero che porta sulle spalle Mandzukic fa quasi paura. Ed è comprensibile che sia così. Più che gol evoca fantasmi del gol. Torres, André Silva, Higuain, Piatek, dall’addio di Pippo Inzaghi in poi quel 9 ha fatto vittime illustri. Tanto che lo stesso Ibra ha preferito non sfidare la sorte e virare sul numero 11. Mario invece no, non si è posto il problema, anzi ha accettato la sfida senza esitare nemmeno un attimo. Era convinto di poter essere ancora utile al Milan nonostante un anno di inattività. E l’ultima esperienza in Qatar non proprio esaltante per un professionista del suo calibro. Si è presentato in buone condizioni. Ma ha dovuto fare i conti con i guai fisici che si sono verificati in seguito. E soprattutto  con i contraccolpi del ritmo partita da ritrovare in fretta e a tutti i costi. Sono trascorsi 751 giorni dall’ultima volta in cui partì da titolare: allo Stadium si giocava Juve-Milan. Chissà se è un segnale.

LA PRIMAVERA DI ANTE – Alle spalle di Mandukic ci sarà Ante Rebic, un giocatore che aggiungerà potenza e muscoli dalle parti di Reina. Ante è l’uomo che sboccia in primavera, riferisce la rosea, dopo aver sonnecchiato col freddo: lo dice la sua storia in rossonero. Una stagione fa, i suoi 11 gol arrivarono tutti nel 2020, stavolta siamo più o meno sullo stesso ritmo: 6 delle 7 reti di questo campionato Rebic le ha firmate da gennaio in poi. L’eccezione che conferma la regola, la rete messa a segno a dicembre proprio contro la Lazio. Stasera ci riprova, insieme a Mario, e cerca un’esibizione da Ic factor. 

In Evidenza

DI MARZIO: “Ancora distanza tra le parti sul rinnovo di Kessie”

Published

on

L’aggiornamento del noto esperto di mercato

IL PUNTOGianluca Di Marzio è intervenuto sul sito di Williamhillnews.it per parlare di alcuni rinnovi molto chiacchierati. Ovviamente si è soffermato anche sulla situazione di Kessie. Le sue parole:

“Il Milan ha messo sul piatto la sua offerta di rinnovo, ma le richieste dell’entourage dell’ivoriano (che durante le Olimpiadi aveva affermato di voler rimanere) sono ritenute eccessive. Al momento c’è dunque distanza tra le parti e per sbloccare la situazione servirà che il centrocampista – che piace a mezza Europa e che a zero rappresenterebbe un vero e proprio affare – venga incontro al club”.

Continue Reading

In Evidenza

BOL-MIL, La lista degli indisponibili si allunga ancora

Published

on

L’elenco degli assenti nella trasferta di sabato

ASSENZE – L’emergenza infortuni non si placa. Oggi Pioli ha annunciato le assenze di Kessie e Pellegri, mentre Rebic non recupera per sabato. Ecco la lista completa degli indisponibili:

Maignan – operazione, infortunio traumatico 
Plizzari – operazione 
Theo Hernandez – covid
Diaz – covid 
Kessiè – influenza 
Rebic – distorsione 
Pellegri – infiammazione 
Florenzi – operazione 
Messias – problema muscolare

Continue Reading

In Evidenza

PIOLI: “Kessie non ci sarà per un’influenza, non recupera neanche Rebic. Potrebbe giocare Castillejo”

Published

on

Le dichiarazioni del mister nella conferenza della vigilia

CONFERENZA – Il mister Stefano Pioli ha risposto alle domande dei giornalisti nella vigilia di Bologna-Milan. Le sue parole sull’avversario:

“Sono tre anni che io e Sinisa ci affrontiamo, vuole dire che c’è una buona programmazione nei due club. Sono cambiate tante cose però, il calcio è fatto di step e di cambiamenti. Ora il Bologna ha cambiato modo di giocare, ci aspetta un avversario di buone qualità. Con la Lazio ha vinto aspettando gli avversari e ripartendo velocemente. Conosco Mihajlovic, siamo preparati a qualsiasi atteggiamento ma conterà muovere la palla velocemente: dovremo farli muovere. Affrontiamo una squadra con qualità importanti. Saranno motivati, stanno bene e hanno avuto tutta la settimana per preparare la partita. Dovremo stare concentrati ed essere convinti dei nostri mezzi”.

Sulla sconfitta di Oporto:

“Abbiamo valutato la prestazioni, le poche positive e quelle negative. Poi siamo tornati in campo per prepararci alla partita di domani, sarà una gara difficile. Ora pensiamo alle prossime tre gare di campionato, poi penseremo alla Champions. Siamo consapevoli che abbiamo fatto una brutta partita. Abbiamo perso troppi palloni e siamo stati poco compatti in difesa. Abbiamo capito i nostri errori, dobbiamo cercare di non ripeterli domani contro un avversario che ci metterà in difficoltà”

Sull’attaccante titolare:

“Ibra ha bisogno di allenarsi e di giocare. Si allena in gruppo da una settimana. Il suo minutaggio sarà in crescendo, devo ancora decidere chi partirà titolare tra lui e Giroud. Rebic ha provato a esserci ma ha ancora dolore alla caviglia. La condizione attuale di Ibra e Giroud non ci permette di giocare con le due punte, quando staranno bene potranno giocare insieme. Pellegri ha avuto un piccolo problema e domani non ci sarà”. 

Sui recuperi:

“Rispetto alla partita di Porto recuperiamo Conti e Castillejo. Kessie ha avuto una forte influenza e domani sarà fuori. Castillejo è disponibile ed è uno di quelli che potrebbe giocare”. Tutti gli altri stanno bene, compreso Tomori. E’ disponibile, poi vedremo se giocherà. La formazione la deciderò domani mattina”. 

Su Daniel Maldini:

Il primo tempo contro il Verona è stato difficile per tutti. Daniel sta crescendo e si farà trovare pronto“.

Sulle 100 panchine con il Milan:

“Sono concentrato su domani, non sapevo di questo traguardo. È normale che sia bello essere qui, mi sento bene con tutti e sto bene con tutti. Dobbiamo pensare al presente; si parla tanto del futuro, tanto del campionato, tanto della Champions: dobbiamo pensare a far bene domani. La stagione è ancora molto lunga e noi dobbiamo avere nella continuità il nostro punto di forza. Sono deluso quando non giochiamo al nostro livello e non vinciamo, ma sono convinto che abbiamo una squadra che sa riprendersi e sa giocare a calcio”.

Continue Reading

SOLOXMILANISTI TV

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

Trending

Copyright © 2021 Soloxmilanosti.com edito da Koros Editore p.iva/cod.fis. 94286360485 Testata Registrata Presso la Cancelleria del Tribunale di Firenze n° 5994 - Direttore responsabile: dr Luca Russo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: