Connect with us

In Evidenza

KESSIE: “Da bambino tifavo Milan. Amo essere il leader della squadra, nello spogliatoio…”

Published

on

Franck Kessie, è stato protagonista di una lunga intervista al settimanale “SportWeek

LE PAROLE – Il centrocampista del Milan, ha iniziato parlando del suo amore versi i colori rossoneri:

Da bambino tifavo Milan e andavo matto per Shevchenko. Il Milan era anche la mia squadra alla Playstation. Era facile tifare per loro: a quei tempi vincevano tutto. Quando ho indossato per la prima volta la maglia rossonera non ci credevo. Pensai che avrei dovuto sudare per quella maglia, perché del Milan io ero anche tifoso. È quello che cerco di fare a ogni partita. Giocare la Champions col Milan

Sul suo ruolo di leader all’interno della squadra:

Se ho qualcosa da dire a un compagno non lo faccio davanti a tutti perché non so come lui possa reagire. Lo prendo da parte e gli spiego. In partita è più difficile, perciò può capitare che cacci un urlo. Se qualcuno cammina gli faccio: “Dai, corriamo che dobbiamo vincere!”. Nelle rappresentative giovanili della mia nazionale, la Costa d’Avorio, sono sempre stato il capitano. Sono abituato a essere il primo a metterci la faccia, in campo e fuori. Parlo con tutti, a cominciare dai più giovani: Hauge, Daniel Maldini… Anche con quelli della Primavera che ogni tanto si allenano con noi, come Mionic

In merito alla splendida amicizia con Bennacer e Calhanoglu:

Parliamo entrambi il francese. Mi succede pure con gli altri di esprimermi nella stessa lingua: solo dopo mi viene in mente che non mi capiscono. Allora mi sforzo di trovare la parola corrispondente in italiano, ma ormai l’avversario è andato. Nello spogliatoio parlano soprattutto i più anziani, Ibra e Kjaer. Loro e il capitano, Romagnoli. Io e Hakan siamo arrivati a Milano nella stessa estate. Io vado a casa sua, lui viene da me. Ci assomigliamo come carattere. Quando abbiamo il giorno libero stiamo quasi sempre assieme: andavamo al ristorante quando si poteva, a fare shopping al Duomo. Ma frequento anche Bennacer, Meite, Leao, Saelemaekers…

Franck Kessie, si è poi concentrato sul rapporto con mister Stefano Pioli:

Quando arriva un nuovo allenatore porta le sue idee e ti chiede cose nuove rispetto a prima. È normale che all’inizio fai fatica. Però abbiamo parlato e parlato, io ho lavorato tanto su di me per capire come dargli quello che voleva. E alla fine ci sono riuscito.

In Evidenza

TATTICA-MENTE, Un tempo di ombre e un tempo di luci in Milan-Verona

Published

on

L’analisi della partita di ieri

PRIMO TEMPO – Durante la prima frazione è andato in scena il momento più difficile di questo inizio di campionato. Mai il Milan finora aveva sofferto tanto il pressing avversario, non riuscendo praticamente mai a prendere in mano le redini del gioco. L’intensità del Verona dà i suoi frutti già al minuto 7 con il goal di Caprari. L’azione è nata da un clamoroso appoggio sbagliato di Ballo Touré, da lì in poi si possono evidenziare almeno tre errori in serie: il primo è di Bennacer che respinge centralmente nel tentativo di anticipare Kalinic, poi Kessie arriva in netto ritardo sulla respinta, e infine un Calabria distratto si fa infilare dal movimento dello stesso Caprari. In generale gli Scaligeri sembravano assatanati per quanto corressero: i raddoppi erano sistematici e il centrocampo rossonero ha fatto una fatica immensa nel costruire azioni. Data la presenza di Giroud, si è cercato spesso di alzare il baricentro per via aerea, più che con il fraseggio. Il rigore del raddoppio è un svista del var che non segnala il pestone di Kalinic su Romagnoli, ma anche qui Tomori si ritrova solo contro due avversari prima del cross di Lazovic.

SECONDO TEMPO – L’Hellas ha subito diverse rimonte in questo campionato e non è un caso. Giocare in maniera così intensa alla lunga non paga se non si hanno tutti i giocatori in forma smagliante. Il calo degli avversari è stato evidente, ma è dovuto anche al diverso atteggiamento del Milan, molto più propositivo e convinto rispetto al primo tempo. Dunque, prima Giroud di testa, poi Kessie su rigore e infine l’autorete di Gunter ribaltano la partita. Non sono le uniche occasioni: i rossoneri hanno creato almeno due o tre altre palle-goal nitide e dopo l’1-2 si è avuta la costante impressione che sarebbero arrivati i 3 punti. É bastato un tempo di assedio per risolvere una pratica che all’intervallo sembrava insormontabile. Per questa ragione questa vittoria vale più delle altre e ci permette di continuare a sognare.

Continue Reading

In Evidenza

MILAN, Ibra tocca quota 100 in rossonero

Published

on

Importante traguardo per il fuoriclasse svedese

TRAGUARDO – Nella sfida contro il Verona, Zlatan Ibrahimovic ha festeggiato le 100 presenze con la maglia del Milan. Lo svedese è entrato in campo al 77′, esattamente un minuto prima che arrivasse l’autorete di Gunter. All’età di 40 anni, Ibrahimovic ha ancora un obiettivo che intende raggiungere. Vincere un ultimo trofeo prima di appendere definitivamente gli scarpini al chiodo. E chissà che questo trofeo non possa essere proprio lo scudetto.

Continue Reading

In Evidenza

CHAMPIONS LEAGUE, Designato l’arbitro di Porto-Milan

Published

on

Il fischietto tedesco Brych dirigerà la sfida tra i lusitani ed i rossoneri

CHAMPIONS – E’ stata resa nota la squadra arbitrale di Porto-Milan, match valido per la terza giornata di Champions League. I rossoneri si trovano ancora a 0 punti e devono assolutamente vincere se vogliono continuare a lottare per raggiungere gli ottavi di finale.

ARBITRO: Felix Brych GER
ASSISTENTI: Mark Borsch GER – Stefan Lupp GER
QUARTO UOMO: Daniel Schlager GER
VAR: Marco Fritz GER
ASSISTENTE VAR: Chris Kavanagh ENG

Continue Reading

SOLOXMILANISTI TV

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

Trending

Copyright © 2021 Soloxmilanosti.com edito da Koros Editore p.iva/cod.fis. 94286360485 Testata Registrata Presso la Cancelleria del Tribunale di Firenze n° 5994 - Direttore responsabile: dr Luca Russo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: