Connect with us

Editoriali

Lutto, il calcio piange suo figlio, Sinisa!

MORTE – Qualche giorno fa è arrivata la notizia che tutti si aspettavano, ma che nessuno voleva sentire: il decesso di Sinisa Mihajlovic. Le sue condizioni si erano aggravate nelle ultime settimane, dopo una battaglia con la leucemia durata tre anni. La malattia, la ripresa, la ricaduta: nonostante queste fasi delicate, non ha mai abbandonato il suo lavoro, il suo Bologna. Tant’è che con il peggioramento della sua salute, i dirigenti felsinei gli hanno chiesto le dimissioni, ricevendo una secca risposta: “Non mi dimetto, cacciatemi”.

BIO – La forza d’animo di Mihajlovic è stata ammirevole, ma viene da lontano. Non deve essere stato facile essere un ventenne tra le macerie dei Balcani negli anni ’90. Figlio di mamma croata e papà serbo, è stato testimone della guerra civile che ha contrapposto le due etnie da cui è nato. Uno scenario di amici che si ammazzavano e famiglie dilaniate dai bombardamenti e dal dolore. Il vissuto di quel dramma lo ha forgiato nel profondo, rendendolo il “sergente” che tutti hanno imparato ad apprezzare.

TALENTO – A differenza di gran parte dei suoi coetanei impegnati a combattere per la sopravvivenza, Sinisa era uno dei talenti più cristallini del panorama calcistico europeo. Nel 90-91, a soli 22 anni, vince una storica Champions League con la Stella Rossa ed è protagonista assoluto. Nella semifinale di ritorno con il Bayern Monaco trova il goal su una splendida punizione da 30 metri, suo marchio di fabbrica. In finale segna il suo rigore nella lotteria decisiva. Il suo apporto non si limita solo ai goal: disputa prestazioni eccezionali ogni volta che è chiamato in causa.

Mihajlovic

Segui soloxmilanisti su Facebook e Instagram per non perdere le news di giornata più importanti!

ITALIA – Poi si trasferisce nel nostro paese, si innamora e non lo lascia più. Gioca nella Roma, nella Samp e nell’Inter, diventa una bandiera della Lazio con cui vincerà uno scudetto. Stabilisce il record di 28 punizioni segnate in Serie A, ancora imbattuto. In campo Mihajlovic è classe, tecnica e temperamento. Un giocatore straordinario sotto tutti i punti di vista. Come allenatore, si fa rispettare e amare in tutti i club che lo ingaggiano, dal Catania al Torino, passando per la Fiorentina, la Sampdoria e arrivando all’ultima tappa della sua vita, il Bologna. Il suo incarico più prestigioso è al Milan nella stagione 15-16.

ROSSONERI – Quando Berlusconi sceglie Sinisa, il Milan naviga in cattive acque. Da lì a poco la società sarebbe stata venduta ai cinesi, in quella che sarà la gestione più sregolata della storia rossonera. Mihajlovic non può contare su una squadra di alto livello e cerca di fare il massimo con le poche armi a disposizione. Nel cuore dei tifosi resterà la sua esultanza dopo il derby vinto per 3-0 (Alex, Bacca, Niang). I migliori risultati li raggiunge in Coppa Italia, dove raggiunge un’insperata finale. Il Patron Berlusconi però decide di esonerarlo ad aprile, quando la squadra sta vivendo un momento di flessione, e non gli consente di giocarsi il trofeo. Al serbo succederà un esordiente Brocchi e la finale finisce come tutti si aspettano, e cioè con una sconfitta contro la Juve di Allegri.

COMMOZIONE – I messaggi degli addetti ai lavori indicano quanto fosse ben voluto da tutti. La sua dipartita ha unito in un unico abbraccio i tifosi della Lazio e della Roma, quelli dell’Inter e del Milan, senza dimenticare tutti gli altri club in cui ha militato sia da giocatore che da allenatore. Tanti suoi compagni, avversari e allievi gli hanno reso omaggio: da Totti a Nesta, da Mancini ad Arnautovic. Marchegiani ha appreso la notizia in diretta con Caressa, mostrandosi distrutto, mentre Maldini era in lacrime durante il minuto di silenzio, prima di Milan-Liverpool. La grandezza di un campione dentro e fuori dal campo la si può vedere da qui: dalla capacità innata di mettere tutti d’accordo. Ciao Sinisa!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *