Connect with us

News

MALDINI: “Quando il Milan chiama i giocatori iniziano a sognare”

Dalle problematiche legate al Covid-19 ai prossimi acquisti del Diavolo: parla Paolo Maldini

LE PAROLE – Il dirigente rossonero, ai microfoni di So Foot, ha parlato delle ambizioni del Milan:

“Abbiamo avviato il nostro progetto prima che si verificasse questa pandemia. E ora tante squadre ci stanno guardando: perché il Milan quest’anno? Perché il Milan è riuscito ad essere autosufficiente? Come ha fatto il Milan a ringiovanire la rosa? Credo che siamo presi come esempio di un club virtuoso e vedremo se vinceremo anche in futuro. Per quanto riguarda gli acquisti di giocatori, cerchi di prendere quelli che ritieni più funzionali al tuo progetto, e c’è anche un mercato di persone che lavorano con i club che sono gli scout, gli osservatori, i dirigenti. Spetta alla proprietà e ai dirigenti dei diversi settori scegliere le persone giuste. Credo che il Milan, in Italia senza dubbio e anche in Europa, sia considerato un club virtuoso. Ad oggi il Milan non può permettersi di avere un top player dal punto di vista finanziario. Quando saremo stati in Champions League per quattro o cinque anni di fila allora potremo fare altri sacrifici economici”. 

Maldini, ha poi parlato della strategia – sul mercato – del Milan:

“Prima di tutto, quando hai meno tempo di quanto avrebbe potuto avere la prima presidenza Berlusconi, ad esempio, quando non hai molta scelta, devi essere creativo. Io, il primo anno, sono stato chiamato da Leonardo, e avevamo una visione diversa di come doveva essere la squadra. Il primo anno il club ha fatto investimenti importanti, anche se quando si calcolano le entrate e le uscite, la spesa non è stata eccessiva per un club come il Milan. Dopo la partenza di Leo, per necessità economiche – il Milan perdeva e continuava a perdere più di cento milioni all’anno – si imponeva austerità negli acquisti e si era programmato di scommettere sui giovani per avere una squadra più giovane e più competitiva. Certo, le persone che ho scelto di lavorare con me in tutto questo (Zvonimir Boban e Ricky Massara) avevano in mente che lavorare per il Milan significa rispettare quella che è stata la nostra storia. Non possiamo costruire un progetto che non abbia l’idea, per quanto piccola, di essere vincente nel breve periodo. La sfida era quindi quella di tornare competitivi e avere una società finanziariamente virtuosa. E devo dire che oggi abbiamo trovato quell’equilibrio. Il Milan ha abbassato l’età media dei giocatori, è la squadra più giovane d’Italia, una delle squadre più giovani d’Europa. La strada è stata tracciata. In tutto questo, l’esperienza di chi ha giocato serve non a comprare un giocatore solo perché è giovane, ma anche ad essere attento ad avere guide, giocatori più esperti in grado di guidare i più giovani. E questo è fondamentale”.

Il valore del Milan in Europa e il peso che ha sul calciomercato:

“Sono molto fortunato, sono un ex giocatore rispettato e vincente. E poi ho la possibilità di lavorare per il Milan. Credimi: il Milan non si qualifica per la Champions League da otto anni, ma quando il Milan chiama, i giocatori di tutto il mondo iniziano a sognare. Certo, guardiamo al futuro, ma il passato, che dobbiamo rispettare, conta e come. Quando ti chiami Milan e chiami un giocatore, sei uno dei tre club di maggior successo al mondo. Dobbiamo sempre ricordarlo. Per noi è più difficile portare un giocatore oggi. Economicamente chiediamo ai giocatori che vengono a fare dei sacrifici. I giocatori che vengono qui sono lì perché vogliono davvero esserci. Questi sono giocatori che hanno rinunciato a molti degli stipendi che avevano prima di venire qui. Dobbiamo essere creativi e non possiamo combattere con gli altri club. L’ho sempre detto: il fair play finanziario ha fatto bene al calcio perché c’è meno debito, ma ha allargato il divario tra i grandi club e chi vuole investire e tornare competitivo. Abbiamo un fatturato che è circa un quarto o un quinto dei club vincitori in Europa. Il Milan ha le stesse entrate che aveva nel 2000, giusto per farti capire. Sono passati vent’anni e da allora il mondo è andato in una direzione diversa”. 

Vuoi condividere con noi news, foto, video, eventi e comunicati stampa? Contattaci al seguente indirizzo email: redazione@soloxmilanisti.com

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

More in News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: