Connect with us

News

Milan, Weah: “Da bambino tifavo Platini e la Juve. Poi la vita mi ha portato…”

George Weah oggi è il presidente della Liberia, il suo paese d’origine, ma dal 1995 al 2000 il Milan era casa sua. Con la maglia rossonera ha vinto due scudetti e anche un pallone d’oro. È intervenuto ai microfoni della “Gazzetta dello Sport” per parlare del progetto rossonero e la concorrenza durante lo sprint scudetto:

Sulla questione della concorrenza per il Milan: “Dico Juventus per due motivi: perché da bambino tifavo per la Juve e perché vince da nove anni. Quando ero piccolo in Africa non arrivavano le immagini della Serie A, eravamo legati al calcio francese e facevano vedere le immagini di Platini in Italia, così mi affezionai alla Juve. Poi la vita mi ha portato al Milan e lì ho trovato una famiglia oltre ad un fantastico ambiente di lavoro. Il Milan mi ha dato tutto, ma il tifo per la Juve è rimasto”.

Difficoltà? “Sì, ma da diversi mesi ha iniziato un progetto preciso, brillante, concreto. Maldini ha meriti enormi. Paolo è un uomo umile, un gran capitano e un ottimo amico. Può darsi che io sia di parte, ok, però parliamo di una persona con un cuore immenso, e un gran lavoratore. Uno che ispira chi gli sta a fianco, che trasmette fiducia ora come faceva quando giocava, e ovviamente un grande leader per il gruppo, che sa ciò che bisogna fare per raggiungere gli obiettivi”.

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *