Connect with us

News

MTV, Tomori: “Ho scelto di venire al Milan perché è una squadra dalla grande storia. Per me è un grande onore essere qui”

Fikayo Tomori, neo acquisto in forza per la difesa, ha parlato ai microfoni di Milan TV, dichiarandosi entusiasta della sua nuova avventura da calciatore rossonero.

La chiamata da un club storico, come il Milan, non succede tutti i giorni: “Ho scelto di venire al Milan perché è una squadra dalla grande storia con grandi giocatori. Ovviamente adesso la squadra è in un buon momento ed è un’opportunità a cui non potevo dire di no. Per me è un grande onore essere qui”.

Essere cercati direttamente da una leggenda come Paolo Maldini, è un valore aggiunto: “Quando mi hanno chiamato la prima volta sono rimasto sorpreso. Poi ho parlato con Paolo Maldini, il miglior difensore nella storia del calcio, e mi ha chiesto di venire qui. Da lì ho capito che qui è dove volevo essere, dove volevo venire a giocare. Anche per imparare da lui. Ora sono molto felice di essere qui”.

Data la carriera appena iniziata e la giovane età, non molti amanti del pallone conoscono le tua qualità dentro e fuori dal campo:  “Fuori dal campo sono una persona molto tranquilla, molto serena. Mi piace passare del tempo con la famiglia e gli amici ed essere molto concentrato. In campo sono molto aggressivo, mi piace andare a conquistare il pallone e toglierlo agli avversari. Mi piace essere un difensore, mi piace difendere ed aiutare la squadra a vincere. E’ l’atteggiamento che voglio avere e che porterò in questa squadra”.

Sei appena arrivato a Milano, non è semplice da subito stringere rapporti con i compagni e l’allenatore:  “Ho parlato col mister ed era molto felice del mio arrivo, ovviamente anche io lo sono. Lui mi ha dato la motivazione per giocare e dare il massimo. Ho parlato con alcuni che hanno già giocato qui o con squadre italiane. E da tutti coloro con cui ho parlato, ho sentito solo ottime cose sul Milan. Ma oltre a questo, per me c’è solo il Milan”.

Meite il numero 18, Mandzukic il numero 9 e tu il 23: “Appena ho visto il 23 libero, avendo 23 anni, ho pensato: ‘Ok, scelgo il 23’.  Mi ispiro molto a Michael Jordan e lui indossava il numero 23. Ho pensato avesse molto senso per me scegliere il 23 e spero che sia un numero con cui io possa avere successo”.

Il Milan è una squadra gloriosa che è sempre riuscita a imporsi in Europa: “Giocare a calcio è bello, ma ovviamente lo è di più quando si vince ed è il motivo per cui sono venuto qui. Questa squadra sa come si vince, quando nel museo ho visto le Champions, gli scudetti, tutti i trofei, ho capito che questo è quello che voglio raggiungere mentre sarò qui. Sono molto contento e ho molta, molta voglia di cominciare”.

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *