Connect with us

News

Tifosi infuriati: “Al Napoli un bel rigorino. E su Brahim Diaz?”

Quante polemiche all’indomani delle rispettive sfide di Milan e Napoli

LA POLEMICA DEI TIFOSI – Il Napoli, grazie al successo contro l’Empoli e al pareggio tra Cremonese e Milan, vola a + 8 dalla seconda. La squadra allenata da Luciano Spalletti si appresta a chiudere la prima parte di stagione, prima della lunga sosta per i Mondiali 2022, al primo posto in classifica. Però, all’indomani della gara con l’Empoli, fa discutere il rigore concesso ai partenopei al minuto 68.

Napoli
Segui soloxmilanisti su Facebook e Instagram per non perdere le news di giornata più importanti!

Nello specifico, Marin si allunga la palla in area e Osimhen gli prende tempo e spazio. A seguire, si vede un contatto leggerissimo tra la gamba destra dell’empolese e la sinistra (ad altezza tendine) dell’attaccante nigeriano. Dunque, l’impatto è minino e quindi non abbastanza “forte” per decretare un calcio di rigore. A riferirlo è l’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”. Le polemiche si accendono ancor di più, riguardando un penalty non concesso al Milan nel corso del secondo tempo. I rossoneri a Cremona hanno giocato una pessima partita, ma col tiro dagli undici metri avrebbero potuto sbloccare una partita davvero complicata. La polemica si è diffusa anche sui social, dove i tifosi rossoneri scrivono: “C’è stato un diverso trattamento nei due episodi. Perchè quello di Napoli è rigore? Perchè il fallo su Diaz non è punibile col penalty?”

Leggi anche: Kakà: “Vorrei venire in Italia per Milan-Tottenham”

Contatto Diaz-Escalante, l’ex arbitro: “Normale contatto di gioco”

Nel corso di Cremonese-Milan, match valido per la 14esima giornata del campionato di Serie A, è emerso un episodio arbitrale abbastanza discutibile. Nel corso del secondo c’è stato un contatto (molto dubbio) tra Brahim Diaz e Gonzalo Escalante nell’area grigiorossa. Il popolo milanista invoca un calcio di rigore, ma Luca Marelli (ex arbitro) non è dello stesso parere: “Si tratta di un contrasto di gioco. C’è stato un contatto, ma non ci sono i presupposti per un rigore – dice Marelli a Dazn -. È diverso da quello concesso da Osimhen. Se Pairetto, che era in posizione perfetta per vedere l’azione e ha valutato, non avesse fischiato il VAR non sarebbe intervenuto. È un episodio in cui valutare l’entità del contatto, che c’è stato“.

Privacy Policy
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *